Resoconto di 4 anni

Come se fossi un anziano in punto di morte, ripenso a tutte le cose che ho organizzato negli ultimi anni. Tra queste c’è quello che chiamavo progetto Siderus che, vista la situazione, credo sarò costretto a chiudere.

Siderus, più che un progetto era una religione: vedere e fare le cose in modo Facile, Semplice, Veloce, Elegante e Libero. Unendo questi 5 aggettivi ho sviluppato una serie di strumenti e applicazioni per realizzare un Sistema Operativo. Riuscendoci anche!

Purtroppo però la realtà è diversa da quello che immaginiamo: Dato che a lavorare con passione e costanza ero solamente io, mi sono reso conto di aver realizzato qualche cosa di troppo grande… o troppo folle!

In 4 anni di sviluppo, più o meno continuo, sono riuscito a realizzare parte di tutte le mie pazze idee, che avrebbero dovuto migliorare il mondo GNU/Linux:

Siderus Packages Manager (SPM)

Dato che il progetto Siderus intendeva realizzare un Sistema operativo con determinate caratteristiche, ho dovuto riscrivere un complesso sistema per la gestione dei pacchetti. Infatti per poter partire da una base solida come quella di GNU/Linux, decisi di risolvere alcuni grossi problemi esistenti nelle distribuzioni come Debian o RedHat e derivate.

Quindi realizzai un Gestore di pacchetti, tutt’ora funzionante, capace di svolgere tutte le funzioni necessarie, ma ampliandone alcune. Ad esempio i pacchetti erano strutturati in modo da poter essere avviati come se fossero dei files eseguibili (portableapps?) senza dover installare necessariamente un software. A questa caratteristica di SPM, va aggiunta anche la possibilità di creare dei repository su una rete Friend To Friend (P2P) !

Siderus Share

Per ovviare al problema dello spazio e della banda sul mio server, decisi di sviluppare un sistema di comunicazione Friend To Friend. Una volta realizzate le prime versioni, iniziai a testarlo con alcuni amici: riuscimmo addirittura a scambiarci dei file di grosse dimensioni!

Andando avanti con lo sviluppo, arrivai a scrivere un vero e proprio sistema di comunicazione Friend To Friend! Scrissi anche alcune applicazioni grafiche per poter chattare in una stanza condivisa: è stato molto divertente poter raggiungere i propri scopi e parlare con un amico distante tramite una rete P2P che avevo inventato io.

Ma io volevo fare di più di una semplice Chat P2P, così decisi di metter su un Server connesso 24h/24 alla rete Siderus Share in modo tale da rimanere sempre connesso con i miei amici del progetto. Il mio intento era quello di migliorare il modo di comunicare, non tanto tra i singoli computer, quanto tra gli amici ed i parenti. Così decisi di applicare questa idea a qualche cosa di più utile (e complesso).

Siderus Typhoon

Ovvero una dock/pannello grafico sempre connesso tramite Siderus Share e che avrebbe dovuto facilitare la comunicazione e la condivisione di files con i nostri amici. In altre parole un social network realmente P2P (non come Diaspora), che avrebbe fatto dimenticare quei problemi che Diaspora cerca di risolvere (privacy, proprietà dei dati etc… etc…).

Per motivi pratici, riscrissi il codice due volte: la prima realizzando una vera e propria dock, la seconda volta scrivendo un sistema modulare di finestre e pannelli, capace di generare una interfaccia tramite del codice HTML. Quindi un vero e proprio browser specifico per il social network P2P.

Ma l’idea non andò più avanti. Per un semplice motivo: stavo realizzando qualche cosa ad alto livello: Se non avessi avuto prima un sistema operativo con una interfaccia grafica, non avrei potuto eseguire il codice che avevo scritto! Quindi decisi di interrompere lo sviluppo e dedicarmi ad altro.

Gli strumenti

Per poter realizzare la base del sistema operativo (priva di interfaccia grafica), avrei dovuto compilare prima ogni singolo pacchetto di cui avevo bisogno. Quindi realizzai un sistema di librerie ed una grande quantità di programmi con lo scopo di automatizzare questo processo. Con l’aiuto di alcuni amici, compilammo durante una estate, un sistema operativo minimale ma munito SPM e Siderus Share! Un grande passo avanti per il progetto… ma anche l’ultimo passo.

Infatti dopo aver compilato e debuggato la maggior parte dei pacchetti, tutti coloro che mi aiutarono si disinteressarono. Mi ritrovai solo con del codice ed una versione minimale del sistema operativo GNU/Linux, che volevo fosse Facile, Semplice, Veloce, Elegante e Libero.

Il vero resoconto di 4 anni.

Arrivato a questo punto osservo la situazione che ho davanti: sono passati 4-5 mesi dall’ultima modifica al codice. Nessuno più è interessato al “progetto”. Io lo sono sempre, ma ormai non posso fare altro che chiuderlo.

Quindi, domani “chiuderòSiderus.org! Sarò sincero: non credo di aver buttato al vento questi 4 anni di impegno e passione. Infatti non solo ho dimostrato a me stesso che posso realizzare qualsiasi cosa io voglia, ma ho avuto una avventura che mi ha formato: ho lavorato alla costruzione di un sistema operativo GNU/Linux acquisendo quella esperienza che forse non avrei mai potuto avere studiando sui libri. Anche a livello di conoscenze di programmazione. Più parlo con delle persone che sono programmatori di mestiere, più mi accorgo di avere quella padronanza e quella agilità che molte volte manca agli sviluppatori… Forse ho acquisito anche troppa autostima! ehehehe!

In ogni caso restiamo con i piedi per terra: sono solo un diciassettenne che ancora deve studiare ed accrescere le sue conoscenze… ora mi diverto con qualche altro progetto e mi piacerebbe poter fare tanto altro!

spero che la mia esperienza possa far riflettere altre persone.

Published by

koalalorenzo

More info: http://who.is.lorenzo.setale.me/?

3 thoughts on “Resoconto di 4 anni”

  1. Purtroppo son cose che capitano con la marea di distribuzioni che ci sono 😉
    Vedila da un altro punto di vista, ora hai esperienza per far cose tue o collaborare anche alle distro più “famose” 🙂

    Like

Comments are closed.