Ieri avevo 19 anni

Ieri avevo 19 anni, oggi ne ho 20, mi sento decisamente più vecchio. Perché una cosa è dire “ho 14 anni” oppure “ho 19 anni“, una cosa è dire “ne ho 20“… e dato che in passato ho sempre avuto l’impressione di perdere tempo, ho capito quanto sia importante fare esperienze, conoscere persone e frequentare quelle con cui si sta meglio. Sorridere ed essere felici cambia le cose e ti fa vivere meglio.

Torta di compleanno
( Non mi chiamo Paolo, è un mio amico ed è una lunga storia )

Negli ultimi sei mesi ho capito quanto sia bella e varia la vita. Non mi farò scappare mai più occasioni per colpa di decisioni che non sono le mie. Il mondo è pieno di cose da fare e di opportunità che non vanno mai sottovalutate! Quando c’è la possibilità di stare bene, bisogna approfittarne… nei momenti più cupi poi c’è sempre la possibilità di stare meglio, cercando nelle piccole cose le grandi gioie dell’amicizia e dell’amore.

Come un admin vede la fine del mondo: Il #MillenniumBug dei #Maya.

Molti credono che domani ( 21 dicembre 2012 ) il mondo finirà. La versione per cui il mondo dovrebbe finire è causata prevalentemente dalle leggende maya. I programmi televisivi ed alcuni  internet appesantiscono la situazione incrementando la suspense e il disagio di molte persone… non sopportando la stupidità mi sono informato meglio.

Maya
Maya

Grazie a wikipedia, ho scoperto che alcuni autori hanno scritto dei libri a riguardoche giuro, comprerò dopodomani ( 22 dicembre ). Secondo loro, i Maya ipotizzarono che il giorno prima del “giorno 0” delle precedenti ere gli dei avrebbero distrutto la terra per iniziare da capo. Il 21 dicembre dovrebbe essere un “giorno 0” o qualche cosa simile. 😛

Io ci vedo una spiegazione particolare. Ogni cultura ha i suoi modi per scrivere e comunicare. Da quello che ho capito i Maya contavano i giorni utilizzando 5 cifre. Tuttavia questo numero è “ciclico” e da un punto di vista mitologico questo significa una “nuova era” ogni volta che il ciclo termina e rincomincia.

Continue reading Come un admin vede la fine del mondo: Il #MillenniumBug dei #Maya.

#iSchool e l'Italia 2.0 – Siamo pronti?

Oggi ho avuto la possibilità di partecipare all’evento organizzato da World Wide Rome, iSchool. Ovviamente, dalle 10:00 alle 14:30 si è parlato continuamente di Scuola 2.0.

iSchool 2012
iSchool 2012: io c’ero 😀

Io credo che la tecnologia, quella innovativa, non ci cambia veramente la vita… Nel senso che ci facilita alcune operazioni. Nel complesso possiamo dire che una applicazione che permette ai non vedenti di camminare nei boschi sia veramente innovativa, tuttavia questa va a sostituire un accompagnatore 🙂 (poi ci sono le eccezioni)

Penso una cosa molto simile anche per i libri: sostituirli con un iPad può essere una cosa molto interessante, tuttavia non credo sia una delle priorità nel mondo della scuola! 😉 Molte scuole tuttavia hanno scelto già questo dispositivo.

Continue reading #iSchool e l'Italia 2.0 – Siamo pronti?

Torino Startup Weekend: Momsquare

Una professoressa e mamma super impegnata, 60 secondi di tempo, l’idea e uno startupweekend: ecco come è nato Momsquare, un progetto che ha attirato l’attenzione della giuria al punto tale da meritarsi il primo posto! Sono orgoglioso di essere nel team di Momsquare!

il logo di Momsquare

11 marzo. Arrivo all’evento, mi registro e mostro il biglietto. Saluto tutti i presenti, mi siedo e ascolto i vari talk. 15 minuti solo per Qurami e poi i pitch degli startupper… e qui viene il bello: mi accorgo che, questa volta, le idee proposte sono poco innovative, mentre quelle poche che in 60 secondi ti hanno acceso il fuoco dentro, si sono rivelate poi deludenti. Tutte tranne due. La prima è un gioco per le coppie innamorate, che si scambiano regalini dolci dolci… peccato che cercavano solo dei tester! La seconda invece brillava subito come idea innovativa perché quando si tratta di risolvere un problema, quando si tratta di venire incontro ad una necessità, invece di crearne una nuova, si parla di pura innovazioneContinue reading Torino Startup Weekend: Momsquare

Hai presente Codemotion? La realtà italiana

Ieri sono stato al Codemotion, un evento molto importante nel mondo degli sviluppatori e degli appassionati: Più di 2000 developer si sono riuniti presso l’università Roma3 per seguire talk, approfondire argomenti, conoscere persone e distribuire i propri curriculum alle società ed aziende! Tra la folla, non solo una marea di nerd patentati, ricurvi ed incurvati, ma anche stratupper e professionisti.

Logo Codemotion
Logo Codemotion

Non a caso ho deciso di guardarmi intorno e studiarmi la situazione: a che punto dello sviluppo tecnologico è l’italia? Ci sono opportunità in grandi aziende oppure conviene puntare a quelle piccole? le società sono pronte per un decollo oppure non c’è ancora stabilità? Cosa devo decidere per il mio futuro? L’italia è pronta al cambiamento?  L’italia dei grandi non è pronta. Ancora.

Continue reading Hai presente Codemotion? La realtà italiana

L'istruzione che ti rende cretino: Internet? No

L’altro giorno parlavo con i miei compagni di classe. Partendo da una semplice lamentela di una compagna ( Clarissa ) siamo arrivati a discutere dei motivi per  cui siamo a scuola… questo mi ha messo in moto il cervello per l’ennesima volta. Ma oggi ho voglia di trascrivere quel che penso dell’istruzione e dei modi per apprendere la cultura: la scuola ed internet.

http://vforvittoria.deviantart.com/gallery/#/d329irj
Foto di vforvittoria

Clarissa stava giocando a pallavolo. Non che fosse una campionessa mondiale, però si è permessa di giudicare un’altra ragazza, Flavia, che commetteva ripetutamente errori. La squadra stava perdendo e Clarissa, alterata, inizia con la solita polemica giornaliera: questa volta spinta contro la povera Flavia che provava semplicemente a giocare.

Continue reading L'istruzione che ti rende cretino: Internet? No