Intel Galileo: Arduino da 400Mhz

Qualche giorno fa ho partecipato all’evento di apertura della Maker Faire qui a Roma. Durante l’evento è stato annunciato l’incontro tra Arduino e Intel, creando un nuovo prodotto che fa sbavare non solo me, ma tutti gli appassionati di informatica, di elettronica e i “Makers”.

Photo Credit: http://www.flickr.com/photos/84454580@N00/8334340659/ I_am_Allan

Dopo l’annuncio, presso lo stand della Intel distribuivano una misteriosa scatola blu, con disegnato Galileo Galilei con degli occhiali Hipster: La scatola conteneva un Intel Galileo! [Spoiler] Quando la si apre, c’è un circuito che riproduce il jingle della Intel facendo partire l’ormone nerd a chiunque stia sollevando coperchio 🙂

Sono riuscito ad ottenerne uno! :D
Sono riuscito ad ottenerne uno! 😀

La board dell’Intel Galileo dispone di un processore Intel Quark X1000, con una velocità di 400Mhz, oltre ad avere l’interfaccia Ethernet, USB2.0 e le classiche specifiche tipiche degli Arduino. Avendo avuto un Raspberry Pi, posso dire che non è il massimo, visto anche che il prezzo previsto è di 60$ (Il Raspberry Pi parte dai 25$).

Tuttavia ci sono cose che Raspberry Pi non riesce a fare senza dover spenderci altri soldi: con il raspberry pi ho semplicemente installato una distribuzione Linux e mi sono divertito con il software, mentre con Arduino sto esplorando molto più il mondo dell’elettronica e dell’hardware. Potrei costruirci un robot, come quello che hanno fatto salire sul palco durante la presentazione! 😀

Intel Galileo: Board

Non ho ancora tante idee da realizzare ma credo che giocherò parecchio con Intel Galileo: anche se è possibile farlo, non ho alcuna intenzione di installare Linux sul dispositivo, voglio ampliare le mie conoscenze sfruttando saldatori, LED e sensori. 🙂 Per il momento ho realizzato un semplice software che fa generare due numeri, se il primo numero diviso 2 è maggiore del secondo numero, allora un led si accende e si spegne. Banale, però è stato molto divertente vederlo funzionare e mi piacerebbe migliorarlo un pochino: l’ho caricato su GitHub per divertirmi con chi vuole stravolgerlo! 😛

Si accettano consigli, suggerimenti o altre idee da realizzare 🙂